[request_ebook] solution manual of International Financial Management | Lupita Nyong'o | Wicked City

Minuti contati

Titolo originale: Nick of Time

share

Minuti contati è un film di genere azione, thriller del 1995, diretto da John Badham, con Johnny Depp e Courtney Chase. Durata 90 minuti. Distribuito da UIP - CIC VIDEO - DVD PARAMOUNT (2002).

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

4.1 di 5 su 10 voti


TRAMA MINUTI CONTATI:

A Los Angeles, il tranquillo commercialista Gene Watson, appena arrivato alla Union Station con la sua bambina Lynn, viene scelto da una coppia di agenti, mr. Smith e miss Jones, per una missione mortale, da espletare entro 90 minuti. La bambina resta sequestrata dalla donna in automobile e, in quel lasso di tempo, Gene dovrà uccidere il Governatore dello Stato Eleanor Grant, ricandidatasi alla carica, che presiede la Convention del suo Partito nel grande Hotel Westin Bonaventure. La situazione non offre né scappatoie, né alternative: Gene, che viene dotato di un'arma, è fatto entrare dal suo aguzzino nel grandioso albergo e viene controllato a vista.

CRITICA DI MINUTI CONTATI:

Minuti contati si fregia di stupendi titoli di testa (gli ingranaggi di un orologio e i dettagli di una pistola a tamburo minacciosamente ingigantiti), del ritmo adeguato capace di accelerare e rallentare l'azione, di sequenze angoscianti, di movimenti di macchina e geometrie visive che restituiscono il senso di smarrimento e di paura che attanaglia il protagonista, qualche azzeccata figura di contorno. Qualche sbandamento stilistico (gli eccessi espressionisti degli uomini che complottano contro la signora Grant) non inficia la qualità complessiva del film. (Il Mattino, Alberto Castellano, 30/4/96) L'azione, nonostante il martellare di quel dilemma angoscioso, ristagna, le situazioni, anche se non tutte identiche, si ripetono, riproponendo di continuo gli stessi climi e le stesse tensioni, e i personaggi, pur disegnati con una certa attenzione psicologica, rasentano spesso il luogo comune con il protagonista costretto a scandire senza interruzione il suo stereotipo di uomo qualunque alle prese con faccende più grandi di lui, con il capo dei suoi persecutori che segue fedelmente gli schemi correnti dei tanti "cattivi" hollywoodiani, con la bambina, vittima predestinata e innocente, che sta lì solo per far crescere le atmosfere d'angoscia, con tutti i suggerimenti della paura.(Il Tempo, Gian Luigi Rondi, 6/5/96)

IL CAST DI MINUTI CONTATI:



Lascia un Commento
Lascia un Commento